7×19 – Snatch, la serie che non doveva esserci

Tutto inizia così, con il mitico “Non dovevo esserci”, la formula che ha reso famosa Sono Cose Serie negli anni passati in tutto il mondo e oltre.
Questo perché la puntata di oggi porta la rubrica “La serialità dalla A alla Z” sulla lettera T: Tormentone.

Penny-and-sheldon

“Penny…Penny… Penny” Un tormentone che ci tormenta

E anche le nostre news sono una collezione di tormentoni seriali: da Bryan Fuller che ci riprova (ancora!) con Hannibal, o il #covfefe di Trump, o gli americani di American Crime Story che fanno fare agli spagnoli la parte degli italiani.
Siccome era un po’ che non vi tormentavamo sui fumetti, oggi un blocco intero dedicata alla nuova uscita Bonelli: Mercurio Loi.

Ma poi si arriva al cuore della puntata: Snatch, la serie Crackle in coproduzione con Sony e creata da Alex De Rakoff ispirata all’omonimo film di Guy Ritchie. Ecco, magari questa non doveva esserci per davvero… o forse sì?

Sincornizziamo gli orologi e chiudiamo questa puntata come l’abbiamo iniziata: con l’approfondimento sul Tormentone e con un omaggio ai Monty Python.

E ricordate, nessuno si aspetta l’inquisizione spagnola, nemmeno i birimbini come voi!

 

Vuoi ascoltare la puntata integrale con le musiche? Riascoltaci dagli archivi di RadioOhm.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...